Vanna Iori

Per frenare il bullismo e contrastare i bulli occorre sostenere la consapevolezza dei giovani

Per frenare il bullismo e contrastare i bulli occorre sostenere la consapevolezza dei giovani
28/11/2016 | Categorie: Bullismo, Giovani, I miei comunicati stampa


L’analisi di Repubblica sul bullismo evidenzia come questo fenomeno sia in crescita in Italia, interessando un adolescente su tre, ma allo stesso tempo dai dati dell’inchiesta emerge che aumenta la consapevolezza dei più giovani sulla gravità delle azioni violente: è da questo elemento che dobbiamo rilanciare la nostra azione contro il bullismo.

Assumere consapevolezza è la prima e più importante via per proteggersi dai bulli e, in caso di aggressione, per trovare la forza di denunciare: questo processo, spesso soffocato dalla vergogna, va sostenuto e spetta a tutte le agenzie educative farlo, soprattutto perché la stragrande maggioranza degli atti di bullismo avvengono all’interno di contesti educativi come la scuola.

Senza consapevolezza delle conseguenze dei propri gesti si spiana la strada al bullo, che può così avvantaggiarsi di un clima a lui favorevole, fatto di paura e analfabetismo emozionale: è uno scenario che va contrastato a tutti i costi, innanzitutto attraverso l’educazione ai sentimenti.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l'infanzia e l'adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *