Vanna Iori
La solitudine delle esistenze ferite e la necessità di costruire solidarietà diffusa

Quale senso di profonda e desolante solitudine deve aver accompagnato le giornate dell'uomo che a Forlì ha ucciso la figlia 46enne gravemente disabile e poi ha tentato il suicidio. Un padre spaventato dal futuro, da un domani dove lui o la moglie non avrebbero potuto essere lì, vicino a quella figlia fragile, dipendente dalle loro cure e dal...
Leggi tutto...

Su Dire: “Tu sei diversa. Non puoi venire alla cena di classe”

Il mio articolo di oggi, sabato 1 luglio 2017, pubblicato sulle pagine dell’agenzia di stampa Dire.   Esclusa dalla cena di classe, con un messaggio via WhatsApp, perché disabile. Meglio di no, hanno pensato le compagne di classe di una studentessa che a Parma si è vista negare la partecipazione a un momento di convivialità tra chi...
Leggi tutto...

Sabato 13 maggio a Brescello per presentare il “Progetto Weekend”

Sabato 13 maggio 2017 alle 10.30 sarò presso la casa protetta di via XXV Aprile a Brescello per presentare “Progetto Weekend per l’autonomia delle persone con disabilità”, un punto sollievo per le famiglie – composto da due appartamenti – che per il momento sarà attivo per due weekend al mese e funzionerà con il personale messo a di...
Leggi tutto...