Vanna Iori
Dare protezione ai più vulnerabili

“In molte aree del pianeta la pandemia non ha fatto che aggravare una situazione già disastrosa, aumentando le situazioni di sfruttamento lavorativo dei minori. Con il crollo dei redditi, l’impossibilità di muoversi per svolgere lavori stagionali, molte famiglie sono state costrette a mettersi al servizio di individui senza scrupoli”,...
Leggi tutto...

Serve un decreto ad hoc per la “ripartenza emotiva” dei bambini

In queste lunghe settimane di emergenza, in cui sono emersi i bisogni dei cittadini a cui è stato e sarà necessario offrire risposte straordinarie, efficaci e rapide, non possiamo trascurare le esigenze dei bambini e la cura del loro benessere, sul versante educativo, oltre che sanitario, soprattutto nelle zone di fragilità economico e sociale....
Leggi tutto...

Soggetti di diritti e non oggetti di cura, andiamo oltre la patologia

Oggi è la Giornata mondiale delle persone con disabilità e vorrei proporre una riflessione su cosa significhi prendersi un impegno concreto che cambi davvero le politiche di welfare. Il primo passo che ancora non abbiamo compiuto in maniera consapevole e radicale è quello che deve spingerci a non pensare la disabilità solo in riferimento a po...
Leggi tutto...

Importante parlare di cultura del rispetto

“Oggi è la Giornata Mondiale delle Bambine e delle Ragazze. Si tratta di un’occasione importante per parlare di cultura del rispetto, di stereotipi di genere e di parità. C’è ancora tanta strada da fare, infatti, per eliminare violenza e discriminazioni e per ricordare l’importanza di un necessario cambiamento culturale e politico. La pa...
Leggi tutto...

Che fine hanno fatto le pari opportunità?

‘Non dovevi fare un altro figlio, ora al lavoro ti faremo morire’. Queste sono le terribili minacce con cui l’emissario di un datore di lavoro stava invitando una donna ad accettare la buonuscita e togliersi di mezzo. La sua gravissima colpa era quella di essere diventata mamma per la seconda volta. La donna non si è piegata, ha respinto l...
Leggi tutto...

Non si può lasciar crescere i bambini dietro le sbarre

“Ma si può lasciare crescere bambini dietro le sbarre? Il rapporto Antigone certifica come ad oggi sono 55 i bambini di meno di tre anni d’età che vivono in carcere con le loro madri, e molti di più sono quelli che arrivano a 10 anni (62 solo a Rebibbia). Eppure le madri dovrebbero avere la possibilità di accedere alle misure alternative de...
Leggi tutto...

Oltre Casal Bruciato

Nelle scorse ore a Casal Bruciato, una delle periferie della Capitale, è stata inscenata una protesta molto violenta contro la decisione del comune di assegnare un alloggio di edilizia residenziale pubblica a una famiglia di origine rom. Ennesimo episodio di profonda insofferenza legato non solo all’attesa estenuante di chi aspetta l’assegnazi...
Leggi tutto...