Vanna Iori

A Reggio Emilia nasce la prima Fondazione-museo nazionale sulla salute mentale

A Reggio Emilia nasce la prima Fondazione-museo nazionale sulla salute mentale
20/07/2017 | Categorie: I miei comunicati stampa, Psichiatria, Qui Reggio


L’istituzione della Fondazione del Museo nazionale di psichiatria del San Lazzaro di Reggio Emilia rappresenta un importante passo in avanti per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio architettonico, storico e documentale degli ex istituti psichiatrici: grazie alla creazione di questo polo sarà possibile dare un forte sostegno alle iniziative di ricerche e studio sulla storia delle malattie mentali, sulle terapie e sulla loro evoluzione.

Questo museo è atteso da molti anni e attesterà il passaggio dalla cultura della segregazione agli attuali servizi psichiatrici: il patrimonio costituito dalla biblioteca, che raccoglie circa 13.500 volumi di psichiatria, neurologia, medicina legale e criminologia, dall’emeroteca specialistica e dall’archivio – con documenti dal XVIII al XIX secolo – costituisce un’importante eredità che servirà per gli attuali studi sulle malattie mentali.

Parliamo di luoghi dove si è passati dalla contenzione alla cosiddetta demanicomializzazione dopo l’introduzione della legge Basaglia. Oggi il fenomeno delle malattie mentali va studiato e analizzato con un’ottica che da quel passato di stigma, segregazione e vergogna sia sempre più capace di guardare a condizioni migliori per la dignità dei pazienti.

In particolare il Mibact si farà carico della conservazione di questo patrimonio unico costituito dalla biblioteca, dall’archivio, dagli strumenti di contenzione e di terapia, dai laboratori scientifici, dai manufatti, dall’archivio video e fotografico e da quello iconografico relativo agli ex ricoverati.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l'infanzia e l'adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *