Vanna Iori

La tragedia delle tre sorelle rom morte a Roma impone uno sforzo maggiore per l’integrazione

La tragedia delle tre sorelle rom morte a Roma impone uno sforzo maggiore per l’integrazione
10/05/2017 | Categorie: I miei comunicati stampa


La tragedia avvenuta a Roma, dove tre sorelle rom di 20, 8 e 4 anni hanno perso la vita dentro un camper in fiamme, rappresenta una pagina desolante e mette in evidenza la necessità di rafforzare l’impegno per arrivare a una maggiore integrazione nelle nostre città, soprattutto nelle aree periferiche.

Le tragedie non hanno colore di pelle o etnie. Qualcuno da fuori ha lanciato una bottiglia incendiaria nel camper, che si trovava nel parcheggio di un centro commerciale: è doveroso arrivare quanto prima all’individuazione del responsabile di questo gesto efferato.

Ma quanto avvenuto deve spingerci ad agire maggiormente sull’educazione all’integrazione: il degrado delle periferie, l’emarginazione, la mancata tolleranza alimentano un clima d’odio pericolosissimo, che va stemperato sia attraverso azioni concrete come l’attivazione di strutture – in questo caso campi rom – in grado di permettere una civile convivenza, sia attraverso un diffuso lavoro educativo e socio-culturale.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l'infanzia e l'adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *