Vanna Iori

Mattanza di bambini ad Aleppo, in Siria: serve una tregua immediata

Mattanza di bambini ad Aleppo, in Siria: serve una tregua immediata
14/12/2016 | Categorie: I miei comunicati stampa, Minori


Sostengo l’appello lanciato dall’Unicef al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al premier Paolo Gentiloni affinché si promuova, con urgenza, una forte richiesta di pace nella comunità internazionale per fermare la mattanza di bambini ad Aleppo.

“Caro mondo, i bombardamenti sono intensi ora. Perché resti in silenzio? Perché? Perché? Perché? La paura sta uccidendo me e i miei figli”, scrive su Twitter Bana Alabed, la bambina di sette anni che per mesi ha raccontato al mondo la vita quotidiana sotto le bombe ad Aleppo Est.

Di fronte a questo grido di dolore non possiamo restare inerti. Cosa ne sarà di questi bambini che vivono intrappolati nelle loro case, circondati da violenza, terrore e paura? Bambini mutilati, uccisi dalla ferocia degli adulti che accieca, bambini per cui il diritto all’infanzia non esiste.

Di fronte a questa tragedia e con una battaglia in corso per sottrarre il controllo di Aleppo dall’Isis si deve pensare in modo prioritario a tutelare i bambini rimasti in vita: serve una tregua immediata.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *