Vanna Iori

Serve un’attenzione medica specifica per gli abusi sui minori

Serve un’attenzione medica specifica per gli abusi sui minori
15/11/2016 | Categorie: I miei comunicati stampa, Infanzia, Minori, Sanità


Faccio mie e rilancio le raccomandazioni contenute nel rapporto realizzato da Terres des Hommes in collaborazione con alcune eccellenze ospedaliere: occorre mettere in campo azioni e strumenti concreti volti ad assicurare alle bambine e ai bambini abusati un’attenzione medica specifica.

Quando si ha a che fare con gli abusi, l’assistenza medica deve tenere conto di una specificità doppia, quella dell’infanzia e dell’infanzia abusata, che richiedono un’alta specializzazione: in questo senso è necessario che i centri siano capacità di attività diagnostica precoce e dotati di equipe specializzate e multidisciplinari.

Il trauma degli abusi va affrontato con delicatezza e responsabilità, fin dai primi giorni di vita, unendo a competenze emotive e relazionali una specializzazione medica che purtroppo attualmente non fa parte dei corsi di studio medici.

La formazione medica non può essere delegata ai canali ordinari del pronto soccorso: gli operatori sanitari, infatti, rischiano di riproporre rigidità e generare chiusura, per esempio attraverso una visita sanitaria invasiva, che rischia di far rivivere al bambino o alla bambina abusata una seconda violenza e una riedizione del trauma subito.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *