Vanna Iori

Sul Ddl Cyberbullismo critiche inopportune: è doveroso includere anche i maggiorenni

Sul Ddl Cyberbullismo critiche inopportune: è doveroso includere anche i maggiorenni
15/09/2016 | Categorie: Cyberbullismo, I miei comunicati stampa


Il disegno di legge per il contrasto del cyberbullismo, all’esame dell’aula della Camera, pur prevedendo ‎in modo privilegiato una tutela nei confronti dei minori coinvolti in atti di bullismo e cyberbullismo, comprende l’applicazione delle nuove norme a tutti, includendo anche i maggiorenni, perché la maturità è un elemento che non sempre coincide con l’età, come molti episodi di cronaca mettono in evidenza.

La maturità, che è un elemento imprescindibile per evitare la messa in atto di azioni e comportamenti inqualificabili, quelli cioè tipici del bullo, non si acquisisce in modo automatico solo perché si avanza nell’età: è legata, invece, a un riconoscimento e una gestione del proprio patrimonio emotivo che necessitano di attenzione e cura.

Le critiche avanzate da alcuni esponenti delle opposizioni sono inopportune: escludere i maggiorenni sarebbe stato un errore, che si è giustamente evitato. Elemento decisivo è che questa legge guarda alla prevenzione, all’educazione e all’inclusività per tutelare tutti, nessuno escluso.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l'infanzia e l'adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *