Vanna Iori

Su Avvenire le mie dichiarazioni sulla vicenda degli abusi al Nido del Parco di Roma

Su Avvenire le mie dichiarazioni sulla vicenda degli abusi al Nido del Parco di Roma
21/04/2016 | Categorie: Media Press, Minori


Giovedì 21 aprile 2016 il quotidiano Avvenire, in un articolo sulla vicenda dell’educatrice arrestata e delle due colleghe sospese dal servizio in un asilo nido di Roma per abusi e maltrattamenti ai danni dei bambini, ha ripreso anche le mie posizioni sull’argomento (che avevo già espresso ieri in un comunicato stampa) sottolineando come la legge sugli educatori in corso di approvazione alla Camera potrà costituire una sorta di anticorpo rispetto a questi inaccettabili episodi, perché la qualificazione professionale degli educatori sarà d’ora in poi un elemento obbligatorio.

avvenire_asilo_nido_del_parco_roma_bl

Questa la trascrizione integrale dell’articolo:

ROMA – Picchiati, insultati, costretti a mangiare con la forza e legati ai passeggini, anche per ore, sbattuti in disparte e lasciati a piangere. Un’altra terribile storia, questa in un asilo nido comunale di Roma, dove un’educatrice è stata arrestata dai carabinieri e altre due sono state sospese dall’incarico per maltrattamenti aggravati.

Le indagini, condotte dai militari della compagnia San Pietro, sono scattate con la denuncia «presentata, alcune settimane fa, proprio dal Municipio XIII – ha detto il presidente, Valentino Mancinelli – dopo aver raccolto le segnalazioni di altre educatrici supplenti insospettite dagli atteggiamenti tenuti nei confronti dei piccoli utenti del nido».

Così gli investigatori, attraverso intercettazioni ambientali e l’ utilizzo di telecamere, hanno documentato maltrattamenti costanti da febbraio fino a ieri. A subirli sono stati dodici bambini che frequentavano la stessa classe. Bambini di età compresa tra i dodici e i ventiquattro mesi che venivano strattonati, afferrati di peso e trascinati per un braccio da una parte all’altra.

In diverse occasioni, poi, sarebbero stati costretti a mangiare e, addirittura, sarebbe stata loro tappata la bocca per evitare che vomitassero. E l’ira delle maestre si scatenava quando «disobbedivano ai loro ordini» ed erano «schiaffi, scossoni e urla». È capitato che qualcuno sia stato anche legato al passeggino per ore, mentre gli altri svolgevano le normali attività.

Così ieri mattina c’è stato sgomento tra le colleghe delle educatrici e i genitori dei bambini che frequentano la struttura. Le maestre coinvolte hanno un’esperienza lavorativa di anni, la più anziana è finita ai domiciliari mentre le altre due sono state allontanate.

La vicenda ha anche scatenato diverse reazioni. Soprattutto si è rinfocolato il dibattito sulla necessità o meno di usare le telecamere all’interno di certe strutture. Matteo Salvini, segretario leghista, propone su Facebook «Telecamere in tutti gli asili, scuole e case di riposo. Io sarei d’accordo, voi?». Anche per la deputata e leader di Forza Italia Giovani, Annagrazia Calabria, «bisogna agire per impedire che si ripetano» episodi come questo dell’asilo: «Perciò abbiamo presentato una proposta di legge per la videosorveglianza delle strutture che prestano assistenza ai più deboli, come centri di assistenza agli anziani, ospedali e, appunto, asili».

Il presidente dell’associazione dei consumatori Codacons e candidato a sindaco, Carlo Rienzi, ha fatto sapere di offrire «assistenza legale alle famiglie dei bambini coinvolti nei casi di violenza, allo scopo di far ottenere loro il risarcimento dei danni morali e materiali subiti nei confronti non solo delle maestre responsabili, ma anche di chi aveva il compito di vigilare ed evitare simili situazioni» e ha chiesto «all’amministrazione e alle forze dell’ordine di incrementare i controlli presso gli asili, attraverso telecamere e sistemi di sorveglianza».

Il Pd è su posizioni diverse: è necessaria «una logica preventiva per scongiurare la messa in atto di comportamenti e azioni inaccettabili in futuro», secondo la deputata e responsabile nazionale del Pd per l’infanzia, Vanna Iori, secondo la quale «la legge sugli educatori, in corso di approvazione alla Camera, potrà costituire una sorta di anticorpo perché la qualificazione professionale degli educatori sarà un elemento obbligatorio».

Mentre la presidente di Fratelli d’ Italia e candidata sindaco, Giorgia Meloni, chiede «al Comune di Roma di costituirsi parte civile nel processo all’educatrice arrestata».




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l'infanzia e l'adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *