Vanna Iori

La riforma delle adozioni non è più rinviabile, ma la discussione sia responsabile

La riforma delle adozioni non è più rinviabile, ma la discussione sia responsabile
01/03/2016 | Categorie: Adozioni, I miei comunicati stampa


L’avvio dell’indagine conoscitiva sulle adozioni da parte della commissione Giustizia della Camera costituisce un momento di confronto importante per la necessità di mettere mano a una materia complessa che presenta diverse criticità, impedendo di fatto a molte coppie di poter esercitare serenamente la scelta adottiva: la riforma è necessaria.

Le priorità sono molteplici: mantenere il massimo delle tutele per i minori, facilitare le coppie pronte all’accoglienza, adeguare la legislazione ai cambiamenti intervenuti in ambito familiare, accompagnare i percorsi post-adottivi.

Se davvero si vuole mantenere prioritario l’interesse del minore è arrivato il momento di snellire l’iter dei procedimenti adottivi per poter estendere gli affidi e l’adozione.

Mi auguro che la discussione in Parlamento e nel paese possa procedere con toni pacati, responsabili e si svolga con autenticità nel merito di un tema tanto delicato: le posizioni ideologiche di chi oggi già agita contrapposizioni preconcette sono da abbandonare se vogliamo davvero giungere a un risultato che rispetti le coscienze e le sensibilità di tutti.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *