Vanna Iori

Rapporto Istat sui matrimoni in Italia: la responsabilità dei genitori prevalga sui conflitti

Rapporto Istat sui matrimoni in Italia: la responsabilità dei genitori prevalga sui conflitti
12/11/2015 | Categorie: I miei comunicati stampa, Minori


Il rapporto dell’Istat sui matrimoni in Italia delinea un quadro non certo confortante sul fronte dei minori se si ‎considera che risultano coinvolti in metà delle separazioni e in un terzo dei divorzi.

Le ripercussioni sui figli che derivano da una separazione o da un divorzio sono spesso sottovalutate: è essenziale tutelare i minori da questo ‎rischio. In questa fase i genitori sono chiamati a ricoprire un ruolo educativo ‎fondamentale se riescono, come dovrebbero, a far prevalere il benessere dei propri figli sui loro conflitti.

Il ‎dovere di essere e rimanere genitori deve venire prima delle dinamiche turbolente della separazione della coppia: non si può derogare a questo dovere perché altrimenti i ‎minori finiscono vittime degli odi e delle vendette tra i loro genitori.

I dati dell’Istat, in particolare, evidenziano un aumento della ‎litigiosità tra le coppie: è un trend negativo che va fermato anche ‎attraverso un sostegno più forte alla genitorialità, che è una ‎competenza che si acquisisce con l’esperienza e non in modo automatico ‎solo mettendo al mondo i figli.

La fragilità ‎dei genitori non può ricadere sui figli: in eventi di eccezionale criticità, ‎come appunto le separazioni e i divorzi, l’interesse del minore deve essere ‎salvaguardato prioritariamente, anche con il supporto di altre persone: amici, terapeuti, educatori, mediatori e familiari.




Vanna Iori

Deputata del Partito Democratico | Componente della Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza | Componente e segretaria della II commissione Giustizia della Camera | Componente della VII commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *